depuratori

Resta alta l’attenzione sulle problematiche legate al depuratore di Arenzano e a tal proposito, il 2 luglio, le Commissioni 3^ e 4^ della Città Metropolitana di Genova hanno tenuto una sduta “itinerante” nei locali di Villa Negrotto Cambiaso, sede del Comune, seguita da un sopralluogo sul sito di cava Lupara, un incontro voluto sia per una finalità consultiva, ma anche al fine di ottenere risposte da parte dei responsabili del procedimento sui tempi di esecuzione che, a seguito del periodo di emergenza Covid, hanno subito una battuta di arresto.

Giornata densa di impegni istituzionali per la Città Metropolitana di Genova, iniziata con un incontro tecnico nella mattinata sulle evoluzioni del Bando Periferie con i rappresentanti dei comuni coinvolti, in relazione all'intesa sui fondi ratificata in conferenza unificata lo scorso 18 ottobre 2018 al Ministero per gli Affari Regionali.

Pignone: “La scelta del sito in cui collocare il nuovo impianto sarà fatta in modo trasparente comparando tre parametri per ogni opzione: costi, tempi, impatto ambientale”.  La scelta del sito su cui realizzare il nuovo depuratore comprensoriale del Tigullio è prossima: “La decisione sarà presa quanto prima – assicura Enrico Pignone, consigliere della Città metropolitana delegato all’ambiente – a seguito di un processo tanto veloce quanto trasparente che è già stato avviato.

Il consigliere della Città Metropolitana delegato all'ambiente Pignone sta comparando le diverse ipotesi sulla collocazione del nuovo impianto, che secondo il mandato della Regione Liguria dovrà essere comprensoriale.  La scelta del sito su cui realizzare il nuovo depuratore comprensoriale del Tigullio è prossima: “La decisione sarà presa quanto prima – assicura Enrico Pignone, consigliere della Città metropolitana delegato all’ambiente – a seguito di un processo tanto veloce quanto trasparente che è già stato avviato.

Enrico Pignone, consigliere delegato all’ambiente della Città metropolitana, ha fissato gli ultimi passaggi della road map che porterà alla scelta del sito: i sindaci avranno a disposizione due studi (di Iren e di Industria Ambiente) che comparano 6 ipotesi.  Saranno i 67 Sindaci della Città metropolitana di Genova, o più precisamente dell’Ato (Ambito territoriale ottimale, l’organismo dedicato al ciclo delle acque il cui territorio coincide con quello della Città), a decidere, sulla base di dati oggettivi raccolti in una lunga fase preliminare, il sito nel quale sarà costruito il nuovo dep

Il consigliere delegato all’ambiente incontra i giornalisti alle 11.30 nella sala stampa della Città metropolitana per riferire in merito all’ubicazione dell’impianto. Mercoledì 5 agosto alle 11.30 Enrico Pignone, consigliere delegato all’ambiente della Città metropolitana di Genova, incontrerà i giornalisti nella sala stampa della Città metropolitana (piazzale Mazzini, 2) per riferire in merito alla decisione sull’ubicazione del depuratore del Tigullio.

Massima frammentazione, comprensoriale più Chiavari e soluzione unica (o a Chiavari o a Lavagna): su queste opzioni i 67 sindaci dell'Ato Acqua decideranno il 17 settembre.

Lo slittamento di 5 giorni consentirà ai sindaci chiamati a decidere l'ubicazione del nuovo impianto di esaminare le ultime ipotesi avanzate. E' posticipata da giovedì 24 a martedì 29 alle 15.30 la conferenza dei sindaci dell'Ato Acqua convocata da Enrico Pignone, consigliere delegato all'ambiente della Città metropolitana, per deliberare sull'ubicazione del depuratore del Tigullio orientale.

La tecnologia del nuovo depuratore che serve Santa e Portofino è fra le più avanzate al mondo. Sono venuti a prendere appunti non solo da Brasile e Croazia, ma persino da Israele, Pese che normalmente vende soluzioni tecnologiche avanzate al resto del mondo: il depuratore di Santa Margherita Ligure, costruito e gestito da Iren, è considerato il top della tecnologia disponibile non solo in Liguria, ma a livello mondiale.

Domani alle 15.30 sarà discussa e votata la delibera per prendere atto della scelta del depuratore comprensoriale unico alla colmata di Chiavari e dare seguito “confermandola per quanto di competenza” alla decisione dell'Assemblea d'Ambito.Sul sistema della depurazione nel comprensorio del Tigullio si esprime domani, mercoledì 7 ottobre, anche il Consiglio metropolitano di Genova, convocato nel salone consiliare di Palazzo Doria Spinola alle 15.30 dal sindaco Marco Doria per discutere e votare la delibera presentata dal consigliere delegato Enrico Pignone. 

Diffusa la volontà di evitare la multa Ue. Levaggi promette ricorso al Tar. Duro scontro fra Franceschi (Vobbia) e Sanguineti (Lavagna). Ecco una sintesi degli interventi fatti dai sindaci dell'Ato Acqua durante l'assemblea che ha deliberato sull'ubicazione del depuratore del Tigullio orientale.

Due le opzioni in campo: depuratore unico comprensoriale e due depuratori di vallata (bacino dell'Entella e Val Petronio). Fra meno di un'ora, alle 15.30, prenderà il via l'assemblea dell'Ato Acqua (Ambito territoriale ottimale Acqua) chiamata a deliberare, con un voto, quale soluzione adottare per la depurazione delle acque del Tigullio orientale, area geografica sotto infrazione Ue per la mancanza di depuratori.

Il sindaco metropolitano commenta favorevolmente la scelta dell'assemblea dei sindaci della Città metropolitana. All'esito del voto dell'assemblea dei sindaci dell'Ato acqua sull'ubicazione del nuovo depuratore del Tigullio orientale, il sindaco metropolitano e sindaco di Genova Marco Doria ha dichiarato: "L’assemblea dei comuni dell’Ato acqua ha esaminato il tema impianti di depurazione nel Tigullio.

Doppio voto dell'assemblea dell'Ato acqua: 25 sì e 17 no a costruire un depuratore unico, 23 sì e 13 no a farlo a Chiavari. Il nuovo depuratore del Tigullio orientale sarà unico, comprensoriale, e si farà a Chiavari: così hanno deciso a maggioranza oggi i sindaci dell'Ato Acqua della Città metropolitana di Genova, riuniti in assemblea per deliberare fra 5 diverse opzioni.

Col solo voto contrario del consigliere Senarega di Recco, il consiglio metropolitano ha approvato la delibera che prende atto della scelta fatta dall'Ato di realizzare a Chiavari il depuratore comprensoriale del Tigullio orientale. Il consiglio metropolitano di Genova ha votato la delibera che 'prende atto' della scelta fatta il 29 settembre dall'assemblea dei sindaci dell'Ato Acqua di realizzare a Chiavari il depuratore comprensoriale del Tigullio orientale.

Alle 17 presso l'Auditorium San Francesco. La Città metropolitana prosegue nella politica di trasparenza e partecipazione su questo tema caldo.  Un incontro pubblico a Chiavari, giovedì 5 novembre, per illustrare la documentazione tecnico-economica relativa alla localizzazione a Chiavari, nell'area della colmata, del nuovo depuratore del Tigullio Orientale: si terrà alle 17 presso il Civico Auditorium S.

Raccolta differenziata dei rifiuti, inquinamento atmosferico, depurazione delle acque, bonifica dell’ex Stoppani a Cogoleto. In questo servizio Enrico Pignone, consigliere delegato all'ambiente della Città metropolitana, affronta le principali partite in cui l'ente svolge un ruolo da protagonista in campo ambientale.  Raccolta differenziata dei rifiuti, inquinamento atmosferico, depurazione delle acque, bonifica dell’ex Stoppani a Cogoleto. Sono queste le principali partite in cui la Città metropolitana di Genova svolge un ruolo da protagonista in campo ambientale.

Appuntamento alle 10.15 presso la Sala Polivalente del comune di Recco per visita guidata e presentazione.

Il nuovo impianto, che contribuisce a far uscire il territorio della Città metropolitana dalla procedura di infrazione Ue, è stato inaugurato il 27 giugno dal ministro dell'ambiente Galletti.  Anche il Golfo Paradiso ha il suo depuratore allineato alle norme europee, grazie al lavoro congiunto di diversi enti con in testa la Città metropolitana di Genova.

Col nuovo impianto Iren, inaugurato oggi dal ministro dell’ambiente, Città metropolitana più vicina dall’uscita dall’infrazione Ue sulla depurazione.

Importanti annunci del consigliere delegato all'ambiente della Città metropolitana Enrico Pignone.  Enrico Pignone, consigliere delegato all'ambiente della Città metropolitana di Genova, convoca i giornalisti venerdì 15 luglio alle 13 presso la sala stampa della Cm a Genova (piazzale Mazzini, 2, quinto piano) per importanti annunci sul depuratore di Rapallo e su quello comprensoriale del Tigullio Orientale, a Chiavari.

Il consigliere metropolitano all'ambiente apre all'opzione dei due distinti impianti, che il sindaco di Chiavari preferisce a quella dell'impianto unico nella sua città, deliberata dalla Città metropolitana: "Per l'area di Sestri Levante abbiamo chiare indicazioni, per il bacino dell'Entella la indichino presto". Con questa lettera indirizzata al sindaco di Chiavari Roberto Levaggi (clicca qui: 2016 08 11 Lettera Pignone Depuratore TigOr), Enrico Pignone, consigliere delegato all'ambiente della Città metropolitana di Genova, propone una soluzione al problema della depurazione delle acque de

Questa mattina Conferenza dei servizi preliminare sul depuratore di Chiavari: sarà pronto nel 2.022 e servirà un bacino di 210.000 abitanti equivalenti. Il 22 luglio sarà la volta del depuratore di Cornigliano (D.a.c.). A Rapallo consegnata l’area di cantiere al vincitore della gara d’appalto: entro 90 giorni il progetto definitivo. Pignone: "Impegni rispettati".

La Città metropolitana di Genova ha dato mandato al gestore del servizio idrico di valutare aspetti tecnici e costi (più alti di quelli per il depuratore unico) delle tre diverse ipotesi di doppio impianto discusse questa mattina dal consigliere delegato Pignone e dai sindaci della vallata.

Nella seduta di domani, convocata dal sindaco Marco Doria alle 16 nel salone consiliare di Palazzo Doria SpinolaGli indirizzi per la partecipazione della Città metropolitana di Genova alla ricapitalizzazione di Atp, un cardine dell'accordo raggiunto dopo un lungo confronto con le organizzazioni sindacali, saranno discussi e votati dal Consiglio metropolitano convocato dal sindaco Marco Doria per domani, 21 dicembre, alle 16 nel salone di Palazzo Doria Spinola, in largo Eros Lanfranco a Genova.Con la delibera su Atp, presentata dal consigliere delegato Nino Oliveri, l'ordine del giorno della

"E' previsto un pilone in una zona destinata a opere del depuratore. Autostrade sapeva del nostro progetto, ma per ora non intende modificare il proprio.

Dopo mesi di confronti, individuato il sito dove sorgerà l’impianto di depurazione della valle dell’Entella, mentre la Val Petronio avrà come già deciso un impianto a Ramaia (Sestri Levante). Dopo quasi un anno e mezzo di animato confronto con le amministrazioni comunali e le comunità del Tigullio Orientale, Città metropolitana di Genova ha infine individuato, sulla scorta di verifiche ingegneristiche fatte da Iren, gestore della rete idrica, una collocazione per il nuovo depuratore di Chiavari e della Valle dell’Entella, e l’ha sottoposta questa mattina (insieme al progetto di depuratore g

Alle 12 presso la sala stampa della Città metropolitana in piazzale Mazzini a Genova il consigliere delegato all’ambiente farà il punto sugli impianti di depurazione del territorio: soprattutto su Chiavari e Sestri Levante ma anche su Rapallo, Arenzano, Cornigliano e Recco.

Alle 12 presso la sala stampa della Città metropolitana in piazzale Mazzini a Genova il consigliere delegato all'ambiente farà il punto sugli impianti di depurazione del territorio: Arenzano, Rapallo, Chiavari e Sestri Levante.  Conferenza stampa di Enrico Pignone giovedì 12 gennaio alle 12 presso la sala stampa della sede dell'ente a Genova (piazzale Mazzini): il consigliere delegato all'ambiente della Città metropolitana farà il punto con i giornalisti sulla situazione della depurazione delle acque nel territorio, dopo aver incontrato i sindaci delle zone interessate.

Enrico Pignone, consigliere delegato all'ambiente della Città metropolitana, dà le due notizie durante un'overview su tutti i 23 impianti del territorio.

L'assemblea dei sindaci dell'Ato Acqua riunita oggi in Città metropolitana ha dato il via libera unanime all'ipotesi dei due impianti separati per le valli Entella e Petronio.

La delibera sarà all'ordine del giorno della seduta convocata dal sindaco Marco Doria per venerdì 24 febbraio alle 14 nel salone consiliare dell'ente a Palazzo Doria Spinola.La scelta di realizzare due impianti di vallata per il sistema di depurazione nel comprensorio del Tigullio, rispettivamente a Ramaia nel Comune di Sestri Levante e al Lido nel Comune di Chiavari al voto del Consiglio metropolitano di Genova dopo il parere favorevole della Conferenza dei sindaci lo scorso 3 febbraio.La delibera è infatti fra le pratiche del Consiglio metropolitano di Genova convocato dal sindaco Marco D

“Siamo riusciti a dare una sistemazione definitiva alla questione depuratori nella Città metropolitana” ha detto Marco Doria. La delibera presentata da Enrico Pignone conferma la scelta di Ramaia a Sestri Levante e del Lido a Chiavari.Via libera definitivo dalla Città metropolitana di Genova ai due depuratori per il Tigullio Orientale, con richiesta di tempi rapidi per le progettazioni di Ireti, gestore del ciclo idrico.

Nel programma della Città metropolitana le immagini delle fasi di lavorazione, assemblaggio e posa sui fondali della nuova opera per il depuratore della Darsena inaugurata dal sindaco metropolitano Doria con il consigliere delegato Pignone e l'amministratore delegato di Iren, Bianco.Dalla Darsena del Porto Antico al mare aperto, si snoda per quasi tre chilometri la nuova condotta sottomarina che trasferisce al largo le acque depurate.L'importante opera infrastrutturale, realizzata con un investimento di oltre 20 milioni, interamente finanziati con risorse tariffarie, è collegata al depurato

Realizzata con 23 milioni completa l’adeguamento del sistema di depurazione dell’area urbana genovese. Inaugurata dal sindaco metropolitano Doria, con l'amministratore delegato di Iren Bianco e il consigliere delegato metropolitano Pignone è collegata al depuratore della Darsena e servirà 220.000 abitanti equivalenti tra Sampierdarena e Carignano.Completata con un anno e mezzo di anticipo sui tempi previsti la nuova condotta sottomarina per il depuratore della Darsena.

Nella seduta del consiglio metropolitano del 14 febbraio (ore 14.30) i consiglieri di area Pd chiederanno al sindaco di estendere a livello metropolitano corse e agevolazione tariffaria per i pendolari.

Incontro costruttivo fra i vertici di Città metropolitana e il primo cittadino della città tigullina, contrario alla collocazione dell'impianto prevista dall'attuale progetto.

Il consigliere metropolitano Roberto Cella ha incontrato questa mattina la Commissione prefettizia che amministra il Comune di Lavagna e il sindaco di Chiavari Di Capua. Questa mattina a Lavagna il consigliere metropolitano Roberto Cella, su mandato del sindaco metropolitano Marco Bucci, ha incontrato la Commissione prefettizia che amministra il Comune, composta da Paolo D'Attilio, Gianfranco Parente e Marco Serra, e il sindaco di Chiavari Marco Di Capua, sul tema della depurazione delle acque nel Tigullio Orientale.