Carasco, quasi pronto il muro per proteggere la provinciale 586

Data: 
Giovedì, Dicembre 10, 2015 - 12:00am
Località: 
SP 586
Durata: 
7.11

Cantiere e semafori ancora per qualche settimana sulla provinciale 586 della Val d’Aveto a Carasco, dove i lavori partiti a fine ottobre per difendere la strada dalle frane con nuove opere strutturali sono ormai molto avanzati.
Prima di procedere a questi interventi è stata spostata dal versante la condotta dell’acqua di Carasco che correva sotto il bordo a monte della carreggiata, nell’area necessaria alle fondazioni della nuova barriera in cemento armato.
L’appalto della Città metropolitana di Genova comprende tre lotti: con il primo, fondamentale per i successivi, è stato sistemato con squadre di rocciatori specializzati un nuovo sistema di reti d’acciaio ancorate alla parte alta del versante, per proteggere e mettere in sicurezza i lavoratori e il cantiere sulla strada.

MARCO RAVERA, ingegnere Città metropolitana di Genova

Dopo l’enorme frana del gennaio scorso, in questo tratto – a Santa Maria di Sturla nel Comune di Carasco – la provinciale 586 che arriva in Val d’Aveto è stata interrotta altre due volte fra settembre e ottobre, sempre per frane di massi, pietre e terra dal suo pericoloso e martoriato versante. Sotto i devastanti nubifragi dell’allerta 2 del 13 settembre c’erano volute novanta ore di lavoro, giorno e notte, per eliminare tutti i materiali e riaprire la circolazione il 17. Ma da quella parete, nonostante gli interventi, la fatica e l’impegno costante degli uomini della Città metropolitana e di un’impresa, poche settimane dopo erano partiti nuovi rischi, con macigni scivolati sotto le reti protettive, obbligando ad altri due giorni di chiusura della strada, con interventi serrati per rimuovere i materiali pericolanti con cinquantacinque carichi di camion prima di poterla riaprire. Per il territorio e i suoi cittadini un anno di disagi molto pesanti che stanno però finalmente terminando.

MASSIMO CASARETTO, sindaco di Carasco

Le opere strutturali per questo tratto della provinciale 586 ammontano complessivamente a 515.000 euro, 375.000 finanziati dalla Regione e 140.000 dalla Città metropolitana con risparmi sui fondi della gestione ordinaria. Trovare le risorse è stato un impegno difficile e faticoso, ma era un’assoluta priorità dice il consigliere metropolitano delegato Gianni Vassallo.

GIANNI VASSALLO, cons. delegato lavori pubblici Città metropolitana

Un altro cantiere che sta completando i lavori è quello sulla provinciale 225, per risanare la frana delle Ferriere.

GIANNI VASSALLO, cons. delegato lavori pubblici Città metropolitana

Intervistati

marco ravera | Città Metropolitana di Genova
Massimo Casaretto | sindaco di Carasco

Aree Intervento

Carasco, quasi pronto il muro per proteggere la provinciale 586
Comune: