Consiglio Metropolitano

Il Consiglio metropolitano è composto dal Sindaco metropolitano e da 18 Consiglieri eletti dai Sindaci e dai Consiglieri comunali dei Comuni della Città metropolitana.

Sono eleggibili alla carica di Consigliere metropolitano i Sindaci e i Consiglieri comunali in carica. La cessazione dalla carica comunale comporta la decadenza da Consigliere metropolitano.

Il Consiglio è l'organo di indirizzo e controllo.

Approva regolamenti, piani e programmi, adotta ogni altro atto ad esso sottoposto dal Sindaco metropolitano ed esercita le altre funzioni attribuite dallo Statuto. Dura in carica cinque anni ma, in caso di rinnovo del Consiglio del Comune capoluogo, si procede a nuove elezioni per il Consiglio metropolitano entro sessanta giorni dalla proclamazione del Sindaco dello stesso Comune capoluogo.
Tra gli atti più importanti di competenza del Consiglio vi sono la proposta di Statuto e le sue modifiche da sottoporre alla Conferenza metropolitana e, su proposta del Sindaco metropolitano, gli schemi di Bilancio da sottoporre al parere della stessa Conferenza metropolitana. In caso di parere favorevole espresso da quest’ultima - con i voti che rappresentino almeno un terzo dei comuni compresi nella Città metropolitana e la maggioranza della popolazione complessivamente residente - il Consiglio approva in via definitiva i Bilanci dell'Ente.

L’organizzazione e il funzionamento del Consiglio metropolitano sono disciplinati da un apposito Regolamento.

Alla data attuale, il Consiglio della Città metropolitana di Genova è composto dal Sindaco metropolitano eletto e dai consiglieri (presentati qui di seguito in ordine alfabetico).