Pari Opportunità

Il principio giuridico delle pari opportunità e dignità prevede la partecipazione economica, politica e sociale di ogni individuo in assenza di ostacoli per ragioni connesse al genere, a religione e convinzioni personali, a razza e origine etnica, a disabilità, ad età, all’orientamento sessuale o politico.

L’unione europea ha individuato come indicatori e obiettivi di una buona partecipazione economica, politica e sociale la libera circolazione delle persone e il conseguimento di un elevato livello di occupazione, di protezione sociale, del tenore e della qualità della vita, di coesione economica e sociale, di solidarietà. Inoltre ha avviato iniziative di tutela individuando categorie di persone che necessitano di una particolare tutela dei diritti, soprattutto nel campo del lavoro e della giustizia: disabili, migranti, rom/sinti/caminati e donne.
Infine l’Ue ha definito le ‘azioni positive’ come lo strumento operativo per promuovere la partecipazione di ogni persona a tutti i livelli ed in tutti i settori sociali: le azioni positive possono essere di natura ‘promozionale’, cioè volte al superamento di posizioni di svantaggio, e di natura ‘risarcitoria’, che propongono soluzioni alle discriminazioni in atto.

In base alle disposizioni della legge Del Rio le pari opportunità costituiscono un ambito di competenza specifico delle Città metropolitane. #GenovaMetropoli, di conseguenza, interviene direttamente in favore della popolazione disabile nel campo dell’istruzione e in quello del lavoro, promuovendo la tutela del diritto allo studio e il collocamento disabili. Inoltre #GenovaMetropoli ospita e sostiene la consigliera provinciale di parità che è il pubblico ufficiale di nomina ministeriale con funzione di promuovere e controllare l’attuazione dei principi di uguaglianza di opportunità e non discriminazione per donne e uomini nel lavoro, che ha l’obbligo di segnalare all'autorità giudiziaria i reati di cui venga a conoscenza.
Infine #GenovaMetropoli ha istituito il proprio C.U.G. (‘Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni), organo con ruoli di consulenza, proposta e verifica ai fini del rispetto delle pari opportunità e della tutela dalla violenza all’interno dell’ente,

Nella direzione di garantire le pari opportunità va anche la promozione dell’occupazione femminile tramite l’azione dei Centri per l’impiego.
#GenovaMetropoli, coerentemente con il compito istituzionale di supporto ai Comuni, sta poi attivando un ufficio per supportare gli enti di minore dimensione nella gestione dei problemi relativi ai migranti.
In ultimo, #GrenovaMetropoli ha avviato una collaborazione con il Comune di Genova per proseguire un progetto mirato all’inclusione e alla prevenzione della dispersione scolastica di minori Rom Sinti e caminati, verificando la possibilità di estendere tale iniziativa ad altri comuni del territorio metropolitano.